03 Manutenzione e PULIZIA del materiale ceramico

  1. Come deve avvenire la PRIMA PULIZIA del GRES PORCELLANATO?

    Il lavaggio dopo posa è una fase di fondamentale importanza per tutti gli interventi successivi di manutenzione. Con tale intervento si eliminano i residui di posa ed il normale sporco di cantiere come: malta, colla, pittura, ecc.

     

    Una volta trascorsi i tempi di stagionatura dello stucco cementizio (almeno 3-4 giorni), si deve procedere ad una pulizia con detergente acido tamponato attenendosi scrupolosamente alle istruzioni d’uso e diluizioni indicate sulla confezione del produttore.

     

    Per questa operazione Atlas Concorde suggerisce l’utilizzo di FILA DETERDEK, in quanto non sviluppa fumi nocivi e non aggredisce le fughe, secondo le modalità seguenti:

     

        • Utilizzare FILA DETERDEK diluito 1:5 (1 litro di FILA DETERDEK in 5l di acqua possibilmente calda; resa: 1litro/40mq)
        • Spazzare bene il pavimento e quindi distribuire uniformemente la soluzione acida diluita utilizzando un normale spazzettone, mop-lavapavimenti (mocio), o uno straccio ruvido per ambienti residenziali oppure nel caso di grandi superfici, frizionando con monospazzola dotata di dischi con tampone di colore verde per grandi superfici
        • Lasciare agire per qualche minuto, in funzione dell’intensità dello sporco
        • Intervenire energicamente con spugna abrasiva, tipo Schotch-brite verde, oppure con spazzolone con setole in nylon per superfici strutturate o nel caso di grandi superfici con monospazzola munita di disco verde ed aspira liquidi
        • Raccogliere il residuo con stracci oppure aspira liquidi
        • Risciacquare accuratamente con acqua calda ripetendo l’operazione anche più volte sino all’eliminazione di qualsiasi alone o residuo

     

    Qualora rimanessero zone non perfettamente pulite, ripetere il lavaggio acido a concentrazioni più elevate.

     

    AVVERTENZA:

     

    Tale intervento può risultare aggressivo nei confronti di materiali e componenti ubicati vicino alla piastrellatura, ad esempio, soglie e davanzali di marmo, serramenti metallici e altro; si invita pertanto a proteggere opportunamente queste parti prima di procedere alla pulizia come riportato in precedenza.

  2. Come deve avvenire la PRIMA PULIZIA della MONOPOROSA in PASTA BIANCA?

    Il lavaggio dopo posa è una fase di fondamentale importanza per tutti gli interventi successivi di manutenzione: con tale intervento si eliminano i residui di posa ed il normale sporco di cantiere come: malta, colla, pittura, ecc.

     

    Una volta trascorsi i tempi di stagionatura dello stucco (almeno un paio di giorni in buona stagione), procedere quindi ad una pulizia con detergente neutro attenendosi scrupolosamente alle istruzioni d’uso e diluizioni indicate sulla confezione del produttore.

     

    Per questa operazione Atlas Concorde suggerisce FILA CLEANER, secondo le modalità seguenti:

     

        • Utilizzare FILA CLEANER diluito 1:10 (1/2 litro di FILA CLEANER in 5l di acqua possibilmente calda; resa: 1litro/80m²)

        • Eliminare l’eventuale velo polveroso di stucco dalla superficie delle piastrelle con uno straccio asciutto e pulito e quindi distribuire uniformemente la soluzione neutra diluita utilizzando un tampone commerciale Schotch-brite dalla parte morbida (in genere, di colore giallo)
        • Lasciare agire per qualche minuto, in funzione dell’intensità dello sporco
        • Intervenire energicamente con spugna abrasiva, tipo Schotch-brite verde
        • Raccogliere il residuo con stracci asciutti e puliti
        • Risciacquare accuratamente con acqua calda

  3. Come deve avvenire la PRIMA PULIZIA di DECORI e INSERTI speciali con applicazioni materiche (oro – argento)?

     

    Le materie utilizzate per questi decori hanno particolari caratteristiche tipiche dei metalli preziosi.

     

    Bisogna prestare molta attenzione nella fase della posa e soprattutto in quella della pulizia; evitare assolutamente l’uso di prodotti abrasivi che potrebbero graffiare e danneggiarne la superficie.

     

    Per la pulizia Atlas Concorde consiglia di utilizzare unicamente panni morbidi con acqua calda e alcool.

     

    Per questi motivi non si potranno accettare reclami e/o contestazioni a posa ultimata.

     

    Per la pulizia di questi materiali non usare assolutamente prodotti abrasivi, ma semplicemente cotone ed alcool o prodotti specifici per la pulizia di oro, rame o lustri. In caso di ossidazione dell’argento sfregare delicatamente con un panno per riottenere la lucentezza originaria.

  4. Come deve avvenire la PULIZIA ORDINARIA del GRES PORCELLANATO?

    Una corretta pulizia viene semplicemente effettuata mediante strofinaccio o spugna inumidita in una soluzione diluita di un detergente neutro per piastrelle tipo FILA CLEANER seguendo le istruzioni d’uso e diluizioni indicate sulla confezione dal produttore.

     

    Evitare l’utilizzo di prodotti ceranti e/o impregnanti; per le grandi superfici è consigliabile l’utilizzo di macchine lavasciuga.

     

    Atlas Concorde consiglia:

     

    QUOTIDIANAMENTE di:

        • Asportare bene la polvere con apposite scope, panni di lana o aspirapolvere
        • Lavare con FILA CLEANER (detergente neutro a basso residuo) in diluizione 1:200 (una tazzina in un secchio da 5 litri d’acqua) utilizzando uno straccio umido che andrà sciacquato spesso nella soluzione

     

    ATTENZIONE:

     

    Se il pavimento, dopo qualunque tipo di lavaggio, presenta segni di passaggio dello straccio, lavare bene con acqua pulita, sciacquando spesso e strizzando bene lo straccio.
    Non eccedere mai nella quantità di detergente da diluire in acqua, a meno che il pavimento non risulti molto sporco e si preveda un risciacquo al termine.

     

    PERIODICAMENTE di:

        • eseguire un lavaggio sgrassante con FILA PS/87 in diluizione 1:20 in acqua (possibilmente calda in quanto ne aumenta l’efficienza) seguito da una fase di accurato risciacquo; oppure, nel caso in cui sia più efficace un lavaggio disincrostante, utilizzare FILA DETERDEK in diluizione 1:20 in acqua (possibilmente calda in quanto ne aumenta l’efficienza) seguito da una fase di accurato risciacquo

     

    ATTENZIONE:

     

    Qualora rimanessero zone non perfettamente pulite, ripetere il lavaggio sgrassante e/o disincrostante a concentrazioni più elevate.
    L’operatore incaricato di questo intervento di manutenzione dovrà sempre procedere ad una preliminare verifica empirica su una porzione limitata di materiale.

  5. Come deve avvenire la PULIZIA ORDINARIA della MONOPOROSA in PASTA BIANCA?

    Una corretta pulizia viene semplicemente effettuata mediante strofinaccio o spugna inumidita in una soluzione diluita di un comune detergente neutro per piastrelle seguendo le istruzioni d’uso e diluizioni indicate sulla confezione dal produttore.

     

    Evitare l’utilizzo di prodotti acidi, alcalini, ceranti e/o impregnanti.

     

    Atlas Concorde consiglia di:

     

        • Asportare bene la polvere con panni asciutti e puliti
        • Lavare con FILACLEANER (detergente neutro a basso residuo) in diluizione 1:200 (una tazzina in un secchio da 5 litri d’acqua) utilizzando una spugna umida non abrasiva che andrà sciacquato spesso nella soluzione

     

    Non eccedere mai nella quantità di detergente da diluire in acqua, a meno che il rivestimento non risulti molto sporco e si preveda un risciacquo al termine.

  6. Come deve avvenire la PULIZIA ORDINARIA dei DECORI e INSERTI speciali?

    Fare riferimento alla risposta relativa alla prima pulizia di decori e inserti speciali.

  7. Come eliminare macchie di varia natura sui materiali ceramici?


    La manutenzione straordinaria è un intervento da fare solo al verificarsi di macchie o alonature di varia natura, non eliminabili con la comune manutenzione ordinaria.

    La loro rimozione si ottiene attraverso una reazione chimica fra la macchia ed il detergente, per cui, a seconda della natura dello sporco, possiamo intervenire, utilizzando una soluzione opportuna come visibile nella tabella seguente.

     

    TIPO DI SPORCO INORGANICO

     SOLUZIONE A BASE

    Carbone, efflorescenze calcaree, gesso, segni metallici, ruggine, grafite, tempere murali…

     ACIDA (*)

    tipo FILA DETERDEK

    TIPO DI SPORCO ORGANICO

    SOLUZIONE A BASE

    Coca cola, caffè, vino, birra, gelato, maionese, marmellata, shampoo, rossetto…

    ALCALINA

    tipo FILA PS/87

    Pneumatici, suole di gomma o delle scarpe…

    TIPO DI SPORCO SINTETICO

     SOLVENTE

    Resine, oli siliconici o meccanici, cere di candela, vernice, inchiostri, lampostil…

    tipo DILUENTE, ACETONE, FILASOLV…

     

        (*) Questi interventi vengono effettuati utilizzando una spugna umida o uno strofinaccio a seconda dell’estensione della macchia, e successivamente alla manutenzione, il pavimento deve essere abbondantemente sciacquato e asciugato.