RICERCA PRODOTTI

Selezionare i campi di ricerca desiderati. Una volta visualizzati i risultati, cliccare sulla tacca colore o sull'indicazione del formato per visualizare le pagine contenenti tutte le specifiche tecniche dei singoli articoli. Se si desidera visionare un particolare formato, cliccare sul formato corrispondente nella lista presente sotto la tacca colore.

 

ILLUSTRAZIONE DEI CAMPI TECNICI

 

METODO B.C.R.A.

Il metodo B.C.R.A. è una rilevazione strumentale che fornisce la misura dell’attrito dinamico (μ) a cui una superficie deve rispondere per essere considerata antisdrucciolevole (μ deve essere 0,40 sia per l’elemento scivolante cuoio su pavimentazione asciutta che per l’elemento scivolante gomma dura standard su pavimentazione bagnata):

 

COEFFICIENTE DI ATTRITO DINAMICO

μ ≤ 0,19

SCIVOLOSITA’ PERICOLOSA

0,20 μ 0,39

SCIVOLOSITA’ ECCESSIVA

0,40 μ 0,74

ATTRITO SODDISFACENTE

μ 0,75

ATTRITO ECCELLENTE

 

METODO ASTM C1028

Il metodo ASTM statunitense prevede una misura strumentale che fornisce la misura dell’attrito statico (S.C.O.F.).

 

COEFFICIENTE DI ATTRITO STATICO

0,50

SCIVOLOSITA’ PERICOLOSA

0,50÷0,60

ATTRITO SODDISFACENTE

0,60

ANTISCIVOLO

 

METODI DIN

I metodi DIN tedeschi, utilizzati anche in Italia, noti anche come “metodi della rampa” o “del piano inclinato” si distinguono in:

 

1. METODO DIN 51130 (per pavimenti in ambienti e zone di lavoro e di transito industriale con pericolo scivolamento):

GRUPPO R DI APPARTENENZA (angolo)

ESEMPI DI AMBIENTI

R9

( αTOT 10°)

Salette di soggiorno, mense aziendali, sale da pranzo, trattorie,..; Ambulatori medici, day hospital, farmacie, laboratori; Saloni per parrucchieri; Lavanderie; Zone di ricreazione e classi in scuole ed asili,…

R10

(10° < αTOT 19°)

Cantine; Zone all’aperto adibite alla vendita; Magazzini per generi alimentari confezionati; Magazzini all’aperto; garage coperti e sotterranei; Parcheggi all’aperto; Cucine in asili e scuole; Laboratori per lavori manuali; Aree di ricreazione all’aperto; Passaggi pedonali aziendali in esterno….

R11

(19° < αTOT 27°)

Produzione, immagazzinamento ed imballaggio formaggio; Produzione materie prime; Imbottigliamento di bevande, produzione di succhi di frutta; Cucine gastronomiche fino a 100 coperti al giorno; Locali per il trattamento di carni; Ambienti e zone per fiorai; Zone all’aperto adibite alla vendita; Tintorie per materiali tessili; Magazzini all’aperto; Parcheggi all’aperto; Garage, garage coperti e sotterranei soggetti a condizionamenti atmosferici; Aree di ricreazione all’aperto; Passaggi pedonali aziendali in esterno,…

R12

(27° < αTOT 35°)

Produzione ed imballaggio di margarina e grasso alimentare; Imbottigliamento di olio alimentare; Lavorazione e trattamento di latte fresco e burro; Spazi nei quali vengono trattati prevalentemente grassi o masse liquide; Parcheggi stazioni dei vigili del fuoco e spazi per la manutenzione tubi acqua; Rampe di carico non coperte; Zone di rifornimento aziendali esterne;…

 

2. METODO DIN 51097 (per zone bagnate soggette a calpestio a piedi nudi):

GRUPPO DI APPARTENENZA

ANGOLO MEDIO DI SCIVOLAMENTO

A

12°  α < 18°

B (A+B)

18°  α < 24°

C (A+B+C)

α > 24°

 

VShade

La classificazione VShade indica il livello di stonalizzazione del prodotto, ovvero di variazione cromatica e/o superficiale che intercorre tra le piastrelle di una stessa collezione. Una forte stonalizzazione è indicata nelle collezioni che richiamano materiali naturali come la pietra e il marmo. Stonalizzazioni più moderate caratterizzano collezioni in cui l’omogeneità cromatica superficiale è un valore estetico indice di un design contemporaneo.

Nella tabella sottostante sono indicate le classi di stonalizzazione: