Atlas Concorde Park Studio: vivere la ceramica a 360°

È stato inaugurato il nuovo spazio espositivo dell’azienda, che mette in scena le potenzialità progettuali della ceramica con un allestimento dal carattere immersivo e aperto alla dimensione digitale
AtlasConcorde ParkView Day

Fare esperienza delle superfici ceramiche come materia che abbraccia tutti gli spazi di vita, dalla casa all’ufficio, dal retail al contract, all’interno e all’esterno. Questo l’obiettivo di Atlas Concorde Park Studio, uno spazio espositivo dal taglio avanguardistico all’interno dell’headquarter di Fiorano Modenese, che lascia definitivamente alle spalle il classico concept commerciale dei rivestimenti ceramici.
Il progetto, frutto della collaborazione tra il design team di Atlas Concorde, MPA-Mattia Parmiggiani architects e Studio Ferriani, interpreta i 3.000 mq di estensione attraverso un susseguirsi di ambienti in cui le collezioni dell’azienda sono applicate in tutte le possibili declinazioni e valorizzate anche dallo sviluppo verticale degli spazi. La ceramica, dai piccoli formati alle grandi lastre, diviene in tal modo protagonista assoluta di spettacolari allestimenti: stanze raffinate, bagni, cucine, uffici, living, fluidamente connessi alle aree outdoor grazie alle grandi pareti vetrate, con quattro ettari di parco secolare a fare da sfondo.

DJI 0034-HDR
Interno 008

“Il nuovo showroom Atlas Concorde si inserisce all’interno di un edificio dalle caratteristiche uniche”, commentano i progettisti di MPA, “introducendo una nuova user experience spaziale di dialogo con i visitatori, coinvolgente, ricca di immagini e di narrazioni emozionali. Il sistema di allestimento proiettato in altezza è una delle caratterizzazioni principali di questo progetto. Il visitatore potrà̀ sperimentare una percezione delle grandi superfici che non ha precedenti.”
Ed è, infatti, l’ampia spazialità degli ambienti a catturare l’attenzione del visitatore, che è invitato a compiere una promenade immersiva, in cui le collezioni di lastre e rivestimenti, trasformati in superfici, ambienti e arredi, sono posti in dialogo tra loro grazie a raffinati abbinamenti, in un mood complessivo di naturalità. Un sistema soft tech supporta la visita, aumentando l’esperienza, grazie al progetto sviluppato appositamente dall’innovation partner Dotdotdot. Si inseriscono organicamente nel percorso anche le collezioni Atlas Plan di lastre per i top di cucina, tavoli e arredi, così come quelle di Atlas Concorde Habitat, con linee di lavabi, mensole e top personalizzabili, sempre in gres.

Interno 033
Interno 014
Interno 022
Interno 027

Atlas Concorde Park Studio inaugura un nuovo standard per gli spazi espositivi del settore ceramico, definito attraverso ambienti in cui le collezioni sono armonizzate tra loro e tradotte in contesti reali, da vivere e toccare con mano: “Il nuovo spazio esprime la nostra visione focalizzata sui bisogni dei consumatori”, ha osservato Efrem Grasselli, Marketing Director dell’azienda, “e su quelli dei progettisti e dei nostri partner nel mondo, offrendo un’esperienza profonda dei materiali attraverso un allestimento ospitale e stimolante”.

Lasciati ispirare

Uno sguardo al futuro. Trend e insight da Cersaie 2023
Uno sguardo al futuro. Trend e insight da Cersaie 2023
In chiusura di un anno appena trascorso, risulta spesso piacevole e anche utile una riflessione sullo stato dell’arte per un consuntivo che guardi al futuro. In questa prospettiva l’evento Cersaie, il Salone Internazionale della Ceramica per l'Architettura e dell'Arredobagno, rappresenta una efficace cartina al tornasole per monitorare l’intenzione e la capacità di innovazione proposte dalle aziende del settore.
Material Spirit. Svelare lo spirito intimo della materia
Material Spirit. Svelare lo spirito intimo della materia
Nella scena della progettazione contemporanea è entrata con forza la «materia», protagonista di performance che mettono al centro la portata sia simbolica che di sostanza del materiale di cui gli «oggetti umani» sono fatti. Dall’arte al design, fino ai beni più diffusi nelle nostre case, si vedono i segni di una trasformazione che ha reso i materiali (più di prima) una risorsa non solo da salvaguardare, ma da conoscere, amare e porre al centro del progetto.
Cultural Atmosphere. Le nuove scenografie dei punti vendita
Cultural Atmosphere. Le nuove scenografie dei punti vendita
Lungi dall’avere perso rilevanza nel panorama distributivo in seguito all’ampia diffusione globale di strategie di vendita omnichannel, il retail fisico ha rafforzato il ruolo di touchpoint essenziale non solo per le persone, ma anche per marche e insegne. Ed è proprio anche grazie a questa progressiva articolazione dei percorsi d’acquisto tra on e offline, che molti retailer si sono spinti a ridefinire il punto vendita, alla ricerca di soluzioni innovative e con l’obiettivo di coinvolgere i consumatori secondo nuove e accattivanti logiche di ingaggio.
Uno sguardo al futuro. Trend e insight da Cersaie 2023
Uno sguardo al futuro. Trend e insight da Cersaie 2023
In chiusura di un anno appena trascorso, risulta spesso piacevole e anche utile una riflessione sullo stato dell’arte per un consuntivo che guardi al futuro. In questa prospettiva l’evento Cersaie, il Salone Internazionale della Ceramica per l'Architettura e dell'Arredobagno, rappresenta una efficace cartina al tornasole per monitorare l’intenzione e la capacità di innovazione proposte dalle aziende del settore.
Material Spirit. Svelare lo spirito intimo della materia
Material Spirit. Svelare lo spirito intimo della materia
Nella scena della progettazione contemporanea è entrata con forza la «materia», protagonista di performance che mettono al centro la portata sia simbolica che di sostanza del materiale di cui gli «oggetti umani» sono fatti. Dall’arte al design, fino ai beni più diffusi nelle nostre case, si vedono i segni di una trasformazione che ha reso i materiali (più di prima) una risorsa non solo da salvaguardare, ma da conoscere, amare e porre al centro del progetto.
Cultural Atmosphere. Le nuove scenografie dei punti vendita
Cultural Atmosphere. Le nuove scenografie dei punti vendita
Lungi dall’avere perso rilevanza nel panorama distributivo in seguito all’ampia diffusione globale di strategie di vendita omnichannel, il retail fisico ha rafforzato il ruolo di touchpoint essenziale non solo per le persone, ma anche per marche e insegne. Ed è proprio anche grazie a questa progressiva articolazione dei percorsi d’acquisto tra on e offline, che molti retailer si sono spinti a ridefinire il punto vendita, alla ricerca di soluzioni innovative e con l’obiettivo di coinvolgere i consumatori secondo nuove e accattivanti logiche di ingaggio.